condividi


AIRE - Anagrafe degli italiani residenti all'estero

Tutti i cittadini italiani che si trasferiscono all'estero, per un periodo superiore ai 12 mesi, devono darne comunicazione al competente Consolato Italiano all'estero. A seguito di comunicazione consolare essi vengono iscritti in un'apposita anagrafe (A.I.R.E.) che comprende tutti i cittadini italiani residenti all'estero.

In tale anagrafe sono inseriti i seguenti dati:

  • nome;
  • cognome;
  • luogo e data di nascita;
  • comune italiano di ultima residenza se conosciuto. Se quest'ultimo non é noto il comune di iscrizione può essere quello di nascita oppure quello ove risiede o risiedeva un familiare o un ascendente.
 

Non è necessario provvedere all'iscrizione all'A.I.R.E. quando:

  • la permanenza all'estero è inferiore ad un anno;
  • si tratta di lavoratori stagionali che terminato il lavoro stagionale tornano in patria ove si trova il loro nucleo familiare;
  • si tratta di dipendenti di ruolo dello stato in servizio all'estero.
 

La richiesta di iscrizione all'AIRE può essere effettuata:

  • presso il comune di residenza prima della partenza. A tale richiesta deve comunque sempre seguire una comunicazione Consolare dell'avvenuto trasferimento;
  • presso il competente Consolato Italiano all'estero.
 

Iscriversi all'AIRE è importante in quanto, oltre ad essere un obbligo giuridico, tale iscrizione consente ai connazionali residenti all'estero di ottenere il rilascio di documenti di identificazioni nonché di esercitare il diritto di voto.

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO