Coronavirus - VOLONTARI AL LAVORO PER LA DISTRIBUZIONE DI MASCHERINE

Volontari del Gruppo Comunale della Protezione Civile e della sezione giussanese del Nucleo di Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Carabinieri al lavoro, anche il sabato che precede la Pasqua, per preparare le consegne a domicilio di mascherine che effettueremo nei prossimi giorni a tutti i nuclei famigliari con almeno un componente over 65, in quanto ritenuti soggetti più delicati rispetto alla possibilità di infezione da corona virus.

Pur con qualche difficoltà, siamo riusciti da acquistare, come Amministrazione comunale, 55.500 mascherine presso la ditta FRAM di Giussano (ditta specializzata nella produzione di imballaggi industriali e per alimenti e di tovaglie in tessuto riciclabili) che ci ha fatto dono di altrettante 60.000 mascherine, per un totale complessivo di 115.500.
Ne distribuiremo 30 per ogni famiglia con almeno un componente over 65, in pacchi sigillati e igienizzati, così da garantire massima sicurezza evitando qualsiasi tipo di contaminazione e augurandoci che il quantitativo possa essere sufficiente sino a che il mercato riuscirà a garantire un adeguato approvvigionamento per tutti.

Da oggi pomeriggio iniziamo quindi la distribuzione porta a porta, grazie ai volontari della Protezione Civile e di molte altre associazioni del territorio che si sono rese disponibili e a cui rivolgo un ringraziamento sentito: Nucleo di Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Carabinieri (sezione di Giussano), Caritas, Un Pozzo per la Vita, Gruppo Alpini Giussano, CAI Paina e Comitato Laghetto.

Per ragioni di sicurezza saranno lasciate nelle caselle di posta o, là dove non possibile, all’ingresso delle abitazioni per evitare qualsiasi contatto; sarete comunque avvertiti tramite citofono.
Desidero infine ringraziare tutte le associazioni, in particolare Croce Bianca, che si stanno adoperando per fornire un aiuto concreto ai cittadini più fragili in questo complesso momento di emergenza.

Concludo ricordando che l’ordinanza regionale prevede l’obbligo di coprirsi naso e bocca avvalendosi anche di foulard e sciarpe e non solo di mascherine e che le uscite devono essere limitate a casi di reale e comprovata necessità e urgenza.
Continuano pertanto ad essere vietate le uscite prive di una valida motivazione. 

IL SINDACO
Marco Citterio

Volontari al lavoroVolontari al lavoro
Volontari al lavoroVolontari al lavoro
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO